Walks of Naples #40 – “MATERDEI” – SABATO 27 FEBBRAIO 2021

Walks of Naples #40 ❝Materdei❞
► cosa: una bellissima passeggiata alla scoperta del quartiere Materdei di Napoli
quando: sabato 27 febbraio 2021 | dalle 10:00 alle 12:00
► appuntamento: ore 09:45 all’uscita della Fermata Materdei della Metropolitana Linea 1. Si chiede massima puntualità per poter iniziare la passeggiata guidata alle 10:00 in punto
 dove finisce: la passeggiata finirà intorno alle 12:00 all’altezza di Santa Teresa degli Scalzi
► chi accompagna: Francesca Del Vecchio di “Itinera Napoli”, storica dell’arte e guida turistica autorizzata dalla Regione Campania. Seguitela su  Instagram:  www.instagram.com/chicca_d_arte
► chi organizza: Michele Del Vecchio di Spazio Tangram Napoli
► ̀chi può partecipare: tutti (visita molto interessante anche per i bambini)
► costo visita guidata:10,00€ a persona
► PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al 339.20.291.53 (messaggio WhatsApp) indicando nomi dei partecipanti e recapiti telefonici.
► NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI: 25 (il distanziamento sarà garantito dall’uso del microfono e auricolari)
 NOTE IMPORTANTI PER I PARTECIPANTI:
1) NORME ANTI-COVID: saranno forniti ai partecipanti (compreso nel prezzo) le ricetrasmittenti con auricolari. Gli auricolari sono nuovi “usa e getta” e le trasmittenti sono sanificate dalla ditta che le noleggia, la DICON SRL.
2) ANNULLAMENTO: eventuali annullamenti causa avverse condizioni metereologiche o mancato formarsi del gruppo, saranno comunicati due ore prima della passeggiata
3) RINUNCIA: essendo l’evento a numero chiuso, l’eventuale rinuncia a partecipare deve essere comunicata ENTRO E NON OLTRE LE ORE 20:00 DELLA SERA PRECEDENTE LA PASSEGGIATA. In caso contrario la quota di partecipazione dovrà comunque essere corrisposta. Confidiamo nella vostra collaborazione!
 ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK ❝Walks of Naples❞ per rimanere informato sulle nostre passeggiate partenopee, cliccando qui:  Walks of Naples | camminate napoletane
► NOTA BENE: il “parteciperò” all’evento Facebook NON VALE come prenotazione.
…………………………………….
PROGRAMMA DELLA PASSEGGIATA

Materdei è uno di quei luoghi di Napoli, dove – se non ci abiti – difficilmente ci passi. Probabilmente se qui non ci fosse ubicata la famosissima pizzeria Astarita, molti napoletani non ci sarebbero nemmeno mai venuti….
Quale motivo migliore di questo, allora, per dedicare una delle nostre passeggiate ad un giro al Rione Materdei – perché poi di rione si tratta, suddiviso com’è tra i quartieri Stella e Avvocata?
Luogo, per sua natura, ricco di contraddizioni. Dal punto di vista geografico è ai piedi della collina del Vomero, ma anche a due passi dal centro storico della città e, più a nord, dalla collina di Capodimonte, adagiato tra il colle di Fonseca, area esterna alla città murata, ed il colle della Salute.
Ambiente di confine dove si dibattono due “anime”, quella della zona popolare e quella del quartiere “borghese” in pieno rilancio grazie al turismo. Anno di svolta il 2003, con l’apertura della fermata della Linea 1, lo spartiacque per un quartiere che rimane purtroppo ancora altamente problematico.
E partiremo proprio dalla Stazione della Metro disegnata all’architetto milanese Mendini, attorno alla quale si sviluppa la “parte alta” del rione, cresciuto in epoca più recente, con i suoi bellissimi palazzi Liberty.
Scenderemo poi lungo il vallone per raggiungere la parte bassa del quartiere, lì dove si incontrano i monasteri, le chiese e i palazzi antichi. Molti di questi abbandonati e in rovina, altri miracolosamente attivi a altri ancora “rinati a nuova vita” grazie all’occupazione abusiva dei centri sociali.
Compatibilmente con gli orari delle messe, daremo uno sguardo alla Chiesa di San Raffaele, la chiesa di Sant’Agostino e la Chiesa della Concezione.
Lungo l’itinerario non mancheremo di ammirare alcuni dei murales di grandi artisti della street art, da Bosoletti a Blu, che hanno voluto dare il loro contributo al rilancio di Materdei.
Sarà questa una visita davvero insolita!! Da non perdere…

Spazio dedicato alla fotografia, alle arti, al cinema, al teatro