Walks of Naples #5 la Napoli di Caravaggio

Walks on Naples #5: la Napoli di Caravaggio
Walks on Naples #5: la Napoli di Caravaggio

WALKS OF NAPLES #5: ❝LA NAPOLI DI CARAVAGGIO❞
►cosa: “Walks of Naples” #5: La Napoli di Caravaggio. Una passeggiata lungo il Decumanus Maximo, da Castel Capuano a Piazza San Domenico Maggiore, a recuperare le tracce lasciate da uno dei più grandi maestri di tutti i tempi: Caravaggio.
►quando: domenica 11 febbraio 2018 | dalle 10:00 alle 12:30
► appuntamento: ore 10:00 davanti al Pio Monte della Misericordia (via dei Tribunali 253, Napoli)
►chi accompagna:
– Francesca Del Vecchio* di “Itinera Napoli”, storica dell’arte e guida turistica autorizzata dalla Regione Campania
– Michele Del Vecchio di Spazio Tangram – Napoli
►chi può partecipare: tutti
►costo visita guidata: 10,00€
►prezzo biglietto ingresso al Pio Monte della Misericordia: 5,00€ (se il gruppo sarà di almeno 25 persone, altrimenti 7,00€)
►prenotazione obbligatoria al 339.20.291.53 (SMS o messaggio WhatsApp) oppure scrivendo ad info@spazio-tangram.it indicando nomi dei partecipanti e recapiti telefonici.
► ISCRIVITI AL GRUPPO ❝Walks of Naples | camminate napoletane❞ per rimanere informato sulle nostre passeggiate partenopee: www.facebook.com/groups/WalksofNaples
N.B.: ricordiamo che il “parteciperò” all’evento non vale come prenotazione!
…………………………………….
Domenica 11 febbraio 2018 avremo il 5° appuntamento con le “Walks of Naples”, ciclo di passeggiate per una Napoli insolita e sorprendente, esplorando meraviglie e luoghi noti e meno noti, accompagnati dai fratelli Francesca e Michele Del Vecchio
…………………………………….
*Francesca Del Vecchio: storica dell’arte e guida turistica. Attiva da 30 anni nel campo dello studio comunicazione e gestione dei beni culturali. Abbina passione per l’arte e amore per la divulgazione.
*Michele Del Vecchio: da 10 anni direttore artistico di Spazio Tangram – Napoli, spazio napoletano dedicato alla fotografia ed all’arte contemporanea. Ama creare connessioni tra persone coinvolgendole nella piccola/grande famiglia di Tangram.
…………………………………….
WALKS OF NAPLES #5: ❝LA NAPOLI DI CARAVAGGIO❞
IL PROGRAMMA
Una passeggiata lungo il Decumanus Maximo, da Castel Capuano a Piazza San Domenico Maggiore, a recuperare le tracce lasciate da uno dei più grandi maestri di tutti i tempi: Caravaggio.
Il 28 maggio 1606 Michelangelo Merisi da Caravaggio uccide Ranuccio Tommasoni e per evitare la condanna fugge a Napoli.
Non più protagonista della scena mondana della Roma papale, non più conteso da nobili e cardinali. Catapultato in una città dolente e bellissima, martoriata capitale di un Vicereame Spagnolo che la soggioga e la sfrutta, si ritrova a vivere fianco a fianco del popolo napoletano, negli stessi vicoli bui fetidi e malfamati che diventeranno lo scenario della sua nuova pittura.
Napoli vive nel Seicento uno dei periodi più difficili della sua storia, un secolo di epidemie, guerre, eruzioni e carestie. Ma dove la Spagna latita, il popolo napoletano risponde e le antiche famiglie nobiliari cittadine intervengono dove lo Stato pecca. Sorgono ovunque in città arciconfraternite e congreghe, volute e sovvenzionate dai più fortunati per aiutare i poveri e i bisognosi.
A via dei Tribunali, nel cuore della città antica, a pochi passi dal Castel Capuano, sede della Corte di giustizia e del temibile Carcere della Vicaria, sette nobili si riuniscono nel 1602 per fondare il Pio Monte della Misericordia.
Quattrocento anni sono passati e l’ente è ancora li, vivo e vitale ad occuparsi di coloro che hanno bisogno.
E dopo quattro secoli, sull’altare maggiore della Chiesa della Congrega spicca ancora in tutta la sua bellezza, la tela del Merisi: Le Sette Opere della Misericordia.
La visita al Pio Monte della Misericordia sarà il punto di partenza di un percorso che ci porterà a ritrovare nei vicoli della città moderna, lo spirito di Caravaggio.
Concluderemo il nostro itinerario alla Chiesa di San Domenico Maggiore, dove si trovava in origine un altro straordinario dipinto di Caravaggio, La Flagellazione, attualmente conservato a Capodimonte, ma di cui nella chiesa si conserva una copia del Vaccaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *